DOUBLE FACE...
lista news completa »


Vittoria (5-4) per la Rigoni di Asiago Vipers, che domina per oltre un tempo, ma poi rischia (troppo) contro il CIttadella.

Torna al successo la Rigoni di Asiago Vipers, che supera di misura (5-4) e con qualche brivido finale il Cittadella al termine di un incontro che ha mostrato pregi e difetti della formazione arancionera.
Perfetta nel primo tempo. << Mai visti così ordinati negli ultimi due anni >>. La sintesi di Fabio Forte, presidente e tecnico (stasera squalificato; al suo posto Federico Parini). Bene anche in avvio di seconda frazione, prima del black out che consente agli ospiti di rifarsi sotto, sfiorando il clamoroso aggancio (palo) a 20” dalla sirena.
Asiago prende in mano il gioco fin dall’inizio, anche se i pericoli per Pesavento sono limitati: Sartori scheggia la traversa; ci provano senza fortuna anche Tessari (Filippo) e Ceschini, al rientro.
All'8’11” arriva il meritato vantaggio: Sergio Rigoni recupera di forza un disco nell’angolo, assist per il capitano Petrone, che infila il “sette” (1-0). Passa 1’ e Strazzabosco sfiora il raddoppio (palo). Il gol è solo rinviato: ancora Sergio Rigoni e Petrone protagonisti. Il primo va in pressione, ruba un altro disco e lo serve al compagno, che mette giù Pesavento per poi servire all’indietro il n.7 che non sbaglia (2-0). Al 14’ conclusione di Filippo Tessari, Pesavento non trattiene, ma il disco rimane nei pressi della linea. Al 15’22” discesa sulla sinistra di Carli (uno dei migliori) che, arrivato a tu per tu con Pesavento, serve a Filippo Tessari il comodo 3-0. Il Cittadella, però, trova il modo di accorciare le distanza con Nave, che sorprende Chiesa complice una mancata deviazione di Tombolan che inganna l’estremo difensore di casa. Reazione Asiago con Strazzabosco, “pinzato” da Pesavento. Poi è superiorità numerica Vipers: buona circolazione di disco, ma pochi tiri. Al 21’ Chiesa sventa su Rigoni (Simone), lasciato colpevolmente libero di avanzare. Al 22’ Rossi centra il palo da posizione defilata. Poco dopo, Carli non finalizza il lavoro di Stella; sul ribaltamento di fronte Chiesa mette una pezza su Tombolan, servito da Spain. Al 23’ Pesavento non trattiene il disco e Stella, anticipato da un avversario, per un soffio non ne approfitta.
Secondo tempo che inizia ancora nel segno dei Vipers: occasione per Petrone; poi 4-1 di un caparbio Carli, che con un polsino maligno infila il portiere. Ospiti che si rifanno vivi al 3’: Sartori scivola e spalanca la solitaria fuga di Spain, fermato solo dal palo. Al 4’ Pesavento show sui tentativi ravvicinati di Petrone e Tessari (Luca). L’estremo difensore granata compie un’altra prodezza in spaccata su tocco da due passi di Ceschini, strozzando l’urlo in gola agli altopianesi.
Al 7’ superiorità numerica del Cittadella, ma Sergio Rigoni, intercettato un passaggio di Covolo per Nave, punta dritto verso la porta e “buca” Pesavento tra i gambali (5-1). Qui in pratica i Vipers spengono la luce. Poco dopo, Tombolan accorcia su delizioso passaggio di Spain. Lo statunitense, una manciata di secondi più tardi, sorprende Chiesa per il 5-3. Time out Asiago. All’11’ Pesavento, due volte, sbarra la strada a Filippo Tessari. Al 13’56” gara ufficialmente riaperta: sugli sviluppi di un ingaggio, con dormita generale, Spain firma il 5-4. Al 19’40” esce Chiesa per Stella (Gianluca). Asiago spreca un power-play e quindi una ghiottissima chance con Filippo Tessari. Non si chiude e si soffre. Ultimo minuto in inferiorità numerica (penalità a Ceschini) e con Cittadella senza portiere. La formazione ospite ci prova da tutte le parti, con i vari Tessari (Luca), Rigoni (Sergio) e Petrone generosamente a buttarsi su ogni disco. Ultimo brivido a 20” dal termine, quando il tiro del solito Spain s’infrange sul palo. La sirena suona come un’autentica liberazione, ma la prima vittoria casalinga è archiviata.

RIGONI DI ASIAGO VIPERS - CITTADELLA 5-4 (primo tempo 3-1)

RIGONI DI ASIAGO VIPERS: Chiesa, Stella G.; Petrone, Rossi, Tessari L., Mosele, Sartori, Cantele, Dal Sasso; Stella S., Tessari F., Carli, Rigoni Se., Ceschini, Strazzabosco, Lamonaca. All.: Parini.
CITTADELLA: Pesavento, Brugnolaro,; Valente, Rigoni Si., Pontarolo, Covolo, Spain, Nave, Mazzocca, Tonin, Marini, Zulian, Merli, Tombolan. All.: Pierobon.

Arbitri: Marri e Surina.

Reti. Pt: 8’11” Petrone (A), 11’54” Rigoni Se. (A), 15’22” Tessari F. (A), 17’18” Nave (C). St: 2'16" Carli (A), 6’56” Rigoni Se. (A), 7’30” Tombolan (C), 7’44” Spain (C), 13’56” Spain (C).


Gli altri risultati della 6a giornata in A1. Mammuth Latina- Lions Arezzo 10-6; Ghosts Padova-Monleale 3-5, Edera Trieste-Diavoli Vicenza 6-2. Hanno riposato il Milano 24 e l'Empoli. 
Classifica. Edera Trieste * punti 15; Diavoli Vicenza * 10; Milano 24 **, Sportleale Monleale ** e Rigoni di Asiago VIpers * 9; Ghosts Padova * 7; Cittadella * 6; Empoli * e Mammuth Latina * 3; Lions Arezzo * 0. (* partite in meno).
 

Foto Carlo Dal Sasso



Immagini allegate
Simone Carli, tra i migliori contro il Cittadella (foto Carlo Dal Sasso).

 
      


 


 

On this cold Budapest morning I got up as fresh as scarcely replica watches sale ever before, checked all my gear one last time - laptop, camera, chargers, lenses, flash, memory cards, batteries - and replica watches uk finally set off to have what I would call "my first watch exhibition experience." My destination was the 2013 SalonQP fine watch exhibition, held between the 7th and 9th of November, in the Saatchi Gallery in the fabulous city of London. Saying replica watches sale that I was excited would be a massive understatement. Although I was familiar with this annual event - we at aBlogtoWatch have covered it several times - the thought of seeing so many special watches "in the metal," at the same place, at the same time had me rolex replica uk counting down the days and weeks before the event started. Before we begin to discuss the highlights of replica watches sale the show, allow me to briefly describe SalonQP for those who have not had the replica watches sale pleasure of attending before.