Derby amaro.
lista news completa »


Le rosanero sprecano troppo. Solo un punto contro il Padova (3-3).

Finisce in parità (3-3) il derby veneto tra Ghosts Ladies Padova ed Assicura Asiago Pink Vipers e finisce con qualche rimpianto per le altopianesi, troppo sprecone ed alla fine bloccate dalle avversarie, brave a capitalizzare le occasioni.
Le rosanero, che recuperano Linda De Rocco in difesa, iniziano a tre linee, ma ben presto girano a due e nel finale praticamente ad un solo blocco nel tentativo di trovare il guizzo vincente.
La prima occasione del match è per le padrone di casa (al completo rispetto all’andata): prima Friz e quindi l’ex di turno Costa impegnano Caneva. La replica delle ragazze dirette da Forte e Schivo arriva al 4’: conclusione di De Rocco, correzione di Sartori e disco di poco fuori. Asiago insiste, sfiorando la rete con Tartaglione e Sartori (quest’ultima in varie circostanze).
Al 7’ cambio di linee sciagurato per le altopianesi e Benetazzo si ritrova sola davanti a Caneva, che salva. All 8’30” pregevole azione personale di Pesavento fermata solo dal palo. E’ un buon momento per le rosanero, ma al 9’42” il Padova colpisce di rimessa con Sponza (Martina), dimenticata da tutte (1-0). Passano 2’ e Toffano centra in pieno la traversa.
Al 14’, invece, altro brivido per le Pink: l’autrice del gol sfugge a Pertile, ma poi non riesce a superare Caneva. Si cambia fronte: buona giocata di Rigon, disco dentro per Alzetta, che arriva con un attimo di ritardo. Al 16’38” penalità dubbia alle patavine. Le rosanero impostano il power-play e 20” più tardi Toffano infila di precisione l’1-1. La numero 27 della Assicura Asiago Pink Vipers si fa notare anche poco dopo con una bella iniziativa personale. Applausi. Nel finale prima De Rocco impegna per due volte Gioga; poi la solita Sponza (Martina) ha sulla stecca una buona opportunità, ma conclude debolmente.
Il secondo tempo si apre con le patavine in superiorità numerica (Toffano in panca puniti) e vicine al vantaggio con Viel, che da due passi non trova il tocco vincente. Al 3’30”, invece, è Sartori, che, liberata da Alzetta, non riesce incredibilmente a battere Gioga. Un minuto più tardi bel disco di Tartaglione per Alzetta, tiro fuori.
Al 7’28” il sorpasso asiaghese: capitan Pesavento ruba un disco a Costa, punta verso la porta ed infila Gioga (1-2). Al 9’ e al 10’, però, due svarioni delle rosanero consentono alle avversarie di presentarsi dalle parti di Caneva.
Scampato il pericolo Asiago potrebbe allungare, ma Tartaglione non riesce a deviare il suggerimento di Toffano. Gol sbagliato, gol subito, per di più tra le proteste. La rete di Viel, infatti, lascia più di qualche dubbio. Non all’arbitro, che convalida. Al 13’ Toffano vicina al gol; mentre due minuti dopo Pesavento e Tartaglione non riescono a superare Gioga.
Il derby sembra sfuggire definitivamente di mano, quando al 15’20” Viel si avventa sulla corta respinta di Caneva, scaraventando il disco sotto la traversa per il 3-2 delle Ghosts Ladies. Asiago costruisce e spreca; Padova punisce. Questa la sintesi. Le rosanero, però, non ci stanno, serrano i tempi e al 16’35” trovano il 3-3 con una conclusione dalla distanza di De Rocco non trattenuta dal portiere di casa.
Le Pink insistono alla ricerca del gol-partita. Ci provano Toffano e De Rocco, ma Gioga si salva con un pizzico di buona sorte. Al 19’ Alzetta (per la prima volta a secco) sciupa l’ultima, vera chance di un derby condotto per lunghi tratti, ma con un retrogusto amaro lasciato dalla scarsa concretezza in avanti. Peccato.
Con questo pareggio le Assicura Asiago Pink Vipers si portano temporaneamente al comando del girone “A” (Torino giocherà domenica a Monleale), ma di fatto vedono diminuire ancora di più le possibilità di qualificarsi direttamente per la “Final Four”. 

Ghosts Padova – Assicura Asiago Pink Vipers 3-3 (primo tempo 1-1)

Ghosts Padova: Gioga, Benetazzo, De Biasi, Costa, Sponza F., Sponza M., Croce, Crepaz, Friz, Camola, Viel. All.: Frizzi.
Assicura Asiago Pink Vipers: Caneva, Vellar M., Pertile, De Rocco, Pesavento, Toffano, Segafredo L., Vellar F., Rigon, Tartaglione, Alzetta, Sartori, Rodeghiero, Segafredo M.. All.: Forte-Schivo.

Arbitro: Marri.

Reti. Pt: 9’42” Sponza M. (P), 16’58” Toffano (A). St: 7’28” Pesavento (A), 11’50” Viel (P), 15’20” Viel (P), 16’35” De Rocco (A).

Il programma della quinta giornata (sabato 9 e domenica 10 maggio).
Girone “A”: Ghosts Ladies Padova – Assicura Asiago Pink Vipers 3-3; Monleale – Draghi Torino (domenica 10 maggio, ore 18).
Girone “B”: Modena – Molinese; Massa – Empoli.

Classifiche.
Girone “A”: Assicura Asiago Pink Vipers * punti 10, Draghi Torino 9; Ghosts Ladies Padova * 3; Monleale 2. * una partita in più
Girone “B”: Empoli punti 12; Modena 6; Massa e Molinese 3.

Foto allegate di Carlo Dal Sasso

Assicura Asiago Pink Vipers
Ufficio Stampa

 



Immagini allegate
Caneva vs Sponza. Duello derby.
Silvia Toffano, in gol anche contro il Padova.
Linda De Rocco, sua la rete del definitivo pareggio.

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.