SENZA SOSTA
lista news completa »


La Rigoni di Asiago torna in pista dopo l'abbuffata di gara 1 (10-2) ma occhio all'orgoglio dell'Edera. Si gioca all'Odegar alle 20.45

Dimenticare gara 1. Non sarà affatto semplice ma, nei playoff, è davvero obbligatorio dimenticare in fretta la gara precedente e preparare al meglio l'impegno successivo e i Vipers, quindi, dovranno cancellare in fretta le gioie del match di Trieste per concentrarsi su questo "debutto" asiaghese programmato allo stadio Odegar. Dopo 3 giorni di lavori incessanti si è infatti riusciti nell'opera "titanica" di montare la pista presso lo stadio del ghiaccio che quindi ospiterà le gare di questo rush finale dei Campioni d'Italia come conferma il presidente dei Vipers Fabio Forte: << Nutrivamo molti dubbi sui tempi di realizzo del "trasloco" ma grazie al solito fondamentale aiuto dei tantissimi volontari siamo riusciti anche quest'anno ad adattare l'Odegar per l'hockey inline. Non abbiamo ripetuto lo stesso lavoro dello scorso anno (con il montaggio anche delle balaustre) perchè ci sarebbero voluti almeno 10-12 giorni, ma abbiamo montato la superficie su tutta l'estensione del campo da gioco e quindi giocheremo su un campo davvero "enorme" rispetto a quello di via Cinque. E' un rischio che abbiamo deciso di correre per mantenere vivo il rapporto Vipers-Asiago, nella speranza che prima o poi si possa avere un campo "tutto nostro" che ci permetta di avvicinare sempre più gente alla nostra disciplina >>.
Decisione azzardata quindi, anche perchè visti i tempi ristrettissimi (la società ha ufficialmente comunicato alla Lega Hockey il campo da gioco oggi alle 18.30!) non c'è modo di pubblicizzare a dovere l'evento, ma comunque fortemente voluta dalla dirigenza dei Vipers nonostante presenti molte problematiche organizzative oltre a quelle puramente tecniche come spiega il presidente Forte: << Mettere in piedi una gara 2 di finale richiedeva tempi ben più lunghi ma abbiamo deciso di prenderci questo rischio, decisi a preparare al meglio quantomeno la gara 3 di venerdì prossimo; ci sono mille cose da fare e cercheremo di fare tutto al meglio, come nel nostro DNA, ma davvero abbiamo pochissime ore a disposizione. Dal punto di vista tecnico, sul 30 x 60, è sinceramente "un altro sport"; su campi così grandi si giocano oramai solo i mondiali e per noi è davvero una novità. Personalmente non mi piace molto vedere l'inline giocato in queste dimensioni, la partita diventa una serie infinita di contropiedi e ribaltamenti di fronte. Ne risentono i giocatori dalle "mani buone" a vantaggio di quelli che fanno del pattinaggio a loro arma migliore, ma pur di avere i Vipers ad Asiago abbiamo deciso di optare per questa soluzione. Speriamo di non aver fatto un errore, ma non ci vorrà molto per capirlo...>>
L'enormità dell'Odegar dovrebbe comunque rappresentare un problema anche per l'Edera alle prese con un roster più striminzito e probabilmente meno allenato di quello asiaghese, almeno da quanto visto in gara 1 con i Vipers che arrivavano sempre prima su tutti i dischi oltre a mantenere un ritmo davvero "forsennato" per tutto l'incontro. Rela dovrà inventarsi qualcosa per rimettere in carreggiata i suoi apparsi davvero frastornati nella gara di domenica ma come dicevamo ogni gara fa storia a se e quindi i Vipers non devono incorrere nell'errore di pensare che possa essere "facile". Lavoro psicologico e motivazionale quindi anche per Canei che fin dal primo momento ha comunque portato serenità e nuovi stimoli nello spogliatoio arancionero tornato compatto e "allineato" come del resto sempre accaduto nei momenti importanti...e domani sera sarà sicuramente uno di quei momenti.
Tutti a disposizione per il coach ampezzano che dovrà quindi decidere i due nomi da mandare "in tribuna" e probabile che la scelta possa tener conto la preparazione "atetica" degli atleti a disposizione. Fischio d'inizio alle ore 20.45  con direzione di gara affidata all'inedita coppia Raia-Fiabane.
Forza ragazzi, noi ci crediamo!

Finale scudetto  - programma e risultati

Gara 1 @ Trieste (domenica 2 maggio 2010): Edera Trieste - Rigoni di Asiago Vipers 2-10
Gara 2 @ Asiago
(martedì 4 maggio 2010): Rigoni di Asiago Vipers - Edera Trieste (h 20.45 stadio Odegar)
Gara 3 @ Asiago (venerdì 7 maggio 2010): Rigoni di Asiago Vipers - Edera Trieste (h 20.45 stadio Odegar)
ev Gara 4 @
Trieste (Lunedì 10 maggio 2010): Edera Trieste - Rigoni di Asiago Vipers (h 18 Chiarbola)
ev Gara 5
@ Asiago (Lunedì 17 maggio 2010): Rigoni di Asiago Vipers - Edera Trieste (h 20.45 stadio Odegar)

Asiago conduce la serie 1-0


Rigoni di Asiago Vipers
Ufficio Stampa




Immagini allegate
Penko in parata acrobatica
Sartori contro Riva

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.