PROVE TECNICHE DI FINAL FOUR...
lista news completa »


Le altopianesi, in formazione rimaneggiata, oggi (ore 18) saranno a Torino sulla pista delle campionesse d’Italia. In palio il primato nel girone.

Ultimo impegno della regular season per le Asiago Pink Vipers, reduci dalla terza affermazione in altrettante uscite, che giovedì 2 giugno (ore 18) faranno visita alle campionesse d’Italia del Torino. In palio il primo posto nel girone A.
Compito estremamente arduo per le rosanero, chiamate a difendere la leadership contro un avversario di indiscusso valore e che rispetto all’andata (vittoria 4-2 delle Pink) dovrebbe presentarsi con un organico ben diverso.
Sfortunatamente anche le ragazze asiaghesi non saranno le stesse del primo confronto diretto, proponendo una formazione decisamente rimaneggiata: indisponibili, infatti, la top scorer Tartaglione, le sorelle Guglielmino, Alzetta e le infortunate Rigon e Cunico. Tornano, però, in difesa la De Rocco ed il portiere Mazzocchi, che aveva difesa la gabbia asiaghese a Piacenza.
Per il tecnico Petrone l’occasione di provare qualche soluzione alternativa in vista della “Final Four” scudetto in programma ad Asiago, in via Cinque, sabato 4 e domenica 5 giugno. Già delineato, indipendentemente dall’esito dell’ultimo turno, il quadro delle partecipanti: Asiago, Torino, Ariccia e Latina.
Ufficializzato il calendario della “due giorni” tricolore, che si svolgerà con la formula del girone all’italiana.
Sabato 4 giugno: ore 16.30 Asiago Pink Vipers-Latina; ore 18 Ariccia-Torino; ore 21 Torino-Asiago Pink Vipers. Domenica 5 giugno: ore 9.30 Latina-Ariccia; ore 11.30 Torino-Latina; ore 15.30 Asiago Pink Vipers-Ariccia.  
 
Il programma della 6a giornata. Girone A: Draghi Torino-Asiago Pink Vipers (2 giugno, ore 18). Girone B: Ariccia-Molinese.
Classifiche. Girone A: Asiago Pink Vipers punti 9; Draghi Torino 6; Lepis Piacenza 0. Girone B: Ariccia punti 9; Latina * 6; Molinese 0. (* una partita in più)


Immagini allegate
La "top scorer" rosanero Agnese Tartaglione assente oggi a Torino (foto Carlo Dal Sasso).

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.