Missione compiuta!
lista news completa »


Le rosanero vincono il gironcino e si qualificano per la “Final Four” scudetto. Superati Modena (3-1) e Catania (20-1).

E’ un rosa decisamente vivo quello che colora il gironcino di qualificazione alla “Final Four” scudetto, svoltosi oggi nella cornice dello stadio Odegar di Asiago.
E’ il rosa delle Assicura Asiago Pink Vipers, che centrano l’obiettivo stagionale, aggiudicandosi le sfide con Modena (3-1) e con Catania (20-1) che consegnano il “pass” per l’epilogo del campionato.
Una qualificazione meritata che vale già il miglior risultato di sempre nella storia di questa formazione, che tra una settimana cercherà di regalarsi un altro weekend da protagonista. Brave ragazze!
 
Incontro senza storia, quello con il Catania, dominato dalle rosanero dell’Altopiano. Dopo soli 5’ le Pink sono già avanti di quattro reti: De Rocco (due volte), Segafredo (Margherita), al debutto nel gironcino, e la giovanissima Tartaglione, come sempre tra le migliori. Breve pausa e poi altro break asiaghese: vanno a bersaglio Pesavento, Sartori (primo gol stagionale), ancora De Rocco ed infine Alzetta, che si sblocca dopo un digiuno durato tre partite. Al 16’, nella prima situazione di power-play, tocca a Pertile gonfiare la rete delle etnee, che, pochi secondi più tardi, accorciano con una pregevole iniziativa di Guglielmino. Prima dell’intervallo, però, Tartaglione, in inferiorità numerica, porta in doppia cifra le compagne.
Secondo tempo che scorre via liscio con le Pink che realizzano altre dieci marcature, conseguendo così il risultato più largo della loro storia. Con Asiago accede alla “Final Four” anche il Modena.


Assicura Asiago Pink Vipers – Catania Flames 20-1 (pt 10-1)

Assicura Asiago Pink Vipers: Caneva, Pertile, De Rocco, Pesavento, Segafredo L., Vellar M., Vellar F., Tartaglione, Alzetta, Sartori, Segafredo M., Rodeghiero. All.: Forte-Schivo.
Catania Flames: Grillo, Guglielmino, Leonardi, Grecco, Zocco, Di Stefano, Silicato, Ladavaz.

Arbitro: Marri.

Reti. Pt: 2'09" De Rocco (A), 3'14" De Rocco (A), 4'09" Segafredo M. (A), 5'02" Tartaglione (A), 9'37" Pesavento (A), 12'59" Sartori (A), 13'17" De Rocco (A), 14'16" Alzetta (A), 16'11" Pertile (A), 16'37" Guglielmino (C), 19'12" Tartaglione (A).
St: 4'38" Pesavento (A), 5'34" Tartaglione (A), 6'54" Pertile (A), 8'13" Alzetta (A), 9'13" Alzetta (A), 10'50" Pertile (A), 12'06" Pesavento (A), 12'44" Tartaglione (A), 13'40" Sartori (A), 14'32" Vellar F. (A).


I risultati del girone di qualificazione alla “Final Four” (sabato 23 maggio).
Assicura Asiago Pink Vipers – Modena 3-1; Modena – Catania Flames 7-1; Assicura Asiago Pink Vipers – Catania Flames 20-1.

Classifica finale
: Assicura Asiago Pink Vipers punti 6; Modena 3; Catania 0.
Assicura Asiago Pink Vipers e Modena si qualificano per la “Final Four”.

Foto allegate di Carlo Dal Sasso e Marco Guariglia

Assicura Asiago Pink Vipers
Ufficio Stampa



Immagini allegate

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.