La Finale Scudetto? Asiago – Vicenza!
lista news completa »


Saranno i berici ad affrontare i Vipers nella Finale Scudetto, Edera eliminata in gara 3.

Come già in Coppa Italia sarà una sfida tutta vicentina quella che deciderà le sorti della stagione 2008-2009. Gara 3 di semifinale fra Edera e Vicenza ha infatti visto infrangersi, per l’ennesima volta dopo le 2 finali perse, i sogni di tricolore dei triestini che hanno dovuto arrendersi al cuore dei ragazzi di Roffo e alle parate di un Kroselj davvero in formato “saracinesca”. Niente da fare quindi neanche per Rela (coach Edera) che abbandona anzitempo la corsa a quello scudetto che era stato “suo” fin dal lontano giugno 2004.
Da una sfida che “svanisce” (Varotto-Rela) ad una che si ripropone: Asiago-Vicenza infatti passerà per le sapienti mani dei due tecnici Roberto Varotto e Angelo Roffo, pronti a giocarsi un altro trofeo dopo quello (Coppa Italia) assegnato in dicembre ai Vipers. Ma ora è un’altra storia e ci sono 2 squadre decisamente diverse da quelle che si sono affrontate per la coccarda tricolore ed è il presidente Forte a fotografare la situazione alla vigilia di gara 1: << Non mi sorprende affatto che sia stata Vicenza ad arrivare in Finale; già in stagione regolare avevo a lungo insistito con i ragazzi per convincerli che la prima posizione sarebbe stata fondamentale per evitare una semifinale “trappola” e sono stato buon profeta. Trieste era sicuramente più forte a livello di singoli, ma Vicenza, oltre ad avere un gran portiere, è una squadra in tutto e per tutto e questo, in certi momenti, è fondamentale. Credo che in questo, Asiago e Vicenza si somiglino tanto mentre l’Edera ha spesso puntato su altri fattori che però, finora, non hanno pagato. Tornando alla finale faccio mie le raccomandazioni del nostro tecnico Varotto: per noi sarà importantissimo tenere alta la tensione fin dal primo secondo; Vicenza arriva da una serie lunga e a dir poco difficile, noi siamo fermi (senza partite) da dieci giorni e non abbiamo avuto grossi problemi né con il Polet né con Arezzo in semifinale e questo potrebbe essere, almeno inizialmente, un fattore “condizionante”. Se non ci faremo prendere dalla frenetica ricerca del goal, allora sarà una partita in cui potremo provare ad imporre il nostro gioco, in caso contrario presteremo il fianco ai mortiferi contropiedi di Vicenza che già contro Edera ha fatto del gioco “di rimessa” la sua arma vincente. Se non saremo difensivamente “accorti” saran dolori…>>
Vipers-Diavoli è un derby che più derby non si può, derby vicentino ma ancor più asiaghese visto che sono addirittura 7 gli asiaghesi in maglia Caoduro; derby anche fra i pali con i 2 portieroni sloveni, Penko e Kroselj pronti a darsi battaglia nel guidare i propri compagni verso il titolo tricolore. << Ho visto Kroselj dal vivo in 4 occasioni (3 contro Edera e al ritorno con Asiago) – riprende il presidente Forte - e ammetto che mi ha davvero impressionato. Fa sembrare tutto semplice, ha una posizione e una tranquillità davvero invidiabili e il fatto che in una sola occasione abbia preso 3 reti (contro Civitavecchia nei quarti di finale) la dice ben lunga su quanto decisivo possa essere per le sorti della sua squadra (che con Kroselj in porta ha perso solo ad Asiago in stagione regolare). Detto questo, però, mi tengo ben stretto Penko che finora, quando è servito, è sempre stato il nostro valore aggiunto. In regular season, ad esempio, in Vipers-Diavoli (decisiva per mantenere il primo posto) lo shut-out l’ha fatto Jure e questo dice tutto.>>
Fischio d’inizio per questa serie di Finale (al meglio delle 3 gare su 5) alle ore 20.30 di lunedì 1 giugno quando al pattinodromo di viale Ferrarin (Vicenza) saranno i signori Rigoni e Fonzari a dare il via alle "danze". Buon divertimento a tutti!

Foto di Marco Guariglia e Carlo dal Sasso

Rigoni di Asiago Vipers
Ufficio Stampa






Immagini allegate
Tutto pronto
Coach Varotto

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.