Buona prova delle "Vipere" al Trofeo delle Regioni.
lista news completa »


Un primo ed un quarto posto per gli atleti asiaghesi alla manifestazione in corso di svolgimento a Forlì.

Come ogni anno a fine stagione si svolge il Trofeo delle Regioni, manifestazione che vede in competizione le rappresentative regionali delle categorie Under 20, Under 17 ed Under 15.
E’ in fase di conclusione, a Forlì, l’edizione 2009 che ha visto tra le file del Veneto la numerosa partecipazione di atleti della nostra societa’. 
L’Under 20 guidata dall’allenatore della nostra serie A2 Riccardo Marobin, ha conquistato la medaglia d’oro vincendo il proprio torneo disputato con formula “all’italiana” (quattro partite giocate e vinte).
Tra le fila della rappresentativa veneta spiccano ben cinque atleti della Vipers Tribù: il portiere Giacomo Franchini e i giocatori Andrea Rigoni, Filippo Rigoni, Marco Frigo ed Ettore Tartaglione.
Quarto posto per la rappresentativa Under 15 che ha schierato tre atleti di casa Vipers: il difensore Daniele Rigoni e gli attaccanti Giovanni Corà ed Elias Caregnato. <<Un quarto posto - commenta Vittorio Corà, dirigente Vipers e per l’occasione accompagnatore dei nostri atleti in seno all’Under 15 - che forse non ci rende giustizia. I ragazzi hanno disputato un ottimo torneo dimostrando buone doti tecniche ed agonistiche. Le nostre Viperette hanno ben figurato nella loro prima esperienza extra-Vipers. Sicuramente però la cosa più importante per loro è stato l’arricchimento di esperienza nel confrontarsi con compagni, avversari ed allenatori nuovi.>>
Un plauso infine alla rappresentativa Under 17 (dove non figurano atleti Vipers) che sta lottando per il secondo posto.

Nelle foto allegate le rappresentative regionali venete Under 15 ed Under 20, coach Maro ed alcuni spezzoni della manifestazione.

Rigoni di Asiago Vipers Settore Giovanile
Ufficio Stampa



Immagini allegate
under 20 campione nazionale
quarto posto per 'under 15
premiazioni
vipere al trofeo delle regioni

 
      


 


 

It was cheaper than the 5512, built especially to replica watches sale get it on the wrist of everyone and anyone, and it worked like a charm. The 5513 could be had for around two weeks' average wage, making it replica watches uk extremely accessible and successful. After Wilsdorf's death in 1960, Rolex continued its founder's dominance of the sea with aplomb. The concept Deep Sea Special visited the lowest place on replica watches sale Earth - the Mariana Trench - in the same year, and the Sea-Dweller, with its patented gas escape valve, secured a contract with diving rolex replica uk contractor COMEX in 1967. But the biggest challenge was yet to come, and it was powered by a battery. Through the sixties and replica watches sale seventies, companies like Bulova and Elgin began development of an electronic watch. Once Seiko got wind of this new technology, they took the concept and ran with replica watches sale it, causing what is now known as the 'quartz crisis'.