[Notizia inserita il giorno 18-11-2008] archivio news
clicca per ingrandire la foto
COPPA ITALIA - FINALE ATTO PRIMO
Nuovamente una finale per i Vipers. Stasera, davanti alle telecamere di Raisport Più (h 21), va in scena gara 1 di finale della Coppa Italia. Avversario, inedito, il Vicenza di coach Roffo in un "derby che più derby non si può" visto che fra i diavoli militano ben 8 asiaghesi. Vipers in formazione "tipo" con la sola assenza di capitan Sartori.

"Affari di famiglia": così titola oggi il "Giornale di Vicenza" in fase di presentazione di questo primo round di finale di Coppa Italia (ore 21, pattinodromo di viale Ferrarin) ed è proprio così. Si avrà il derby che molti si aspettavano e che tutti volevano. Nulla a che vedere con le seppur importanti semifinali playoff del 2005 e 2007, ora c'è di mezzo una coppa da vincere e sia i Diavoli che le "vipere" sono pronti a farlo. Un trofeo che vale un posto in Europa (nella Confederation Cup), ma soprattutto nella storia: Asiago, il club più vincente d'Italia, insegue un tris di vittorie consecutive mai riuscito a nessuno; Vicenza sogna il primo trionfo in assoluto dopo anni di soddisfazioni "a metà".
Diverso il cammino compiuto dalle due squadre per arrivare a questa finale; più lineare e "agevole" quello dei campioni d'Italia che hanno avuto vita facile sia contro Polet (6-2 e 8-4) che contro Arezzo (7-2 e 9-0), più complicato, almeno sulla carta, quello della compagine marchiata Cauduro che ha dovuto vedersela con Milano 24 ed Edera Trieste, (rispettivamente terza e seconda forza dello scorso campionato),battute comunque entrambe sia all'andata che al ritorno.
In campo una "marea" di asiaghesi e questo se da un lato non allenterà di certo la componente "nervosa" del match, dall'altro sarà sicuramente garanzia di qualità ed equilibrio della partita stessa. Nessuno mollerà di un centimetro e a beneficiarne sarà sicuramente l'andamento generale dell'incontro con i Vipers chiamati all'ennesima conferma e con i Diavoli ben consci di poter sgambettare i plurititolati cugini dell'altopiano.
Coach Varotto nell'allenamento di rifinitura ha lavorato parecchio sul powerplay, apparso in ombra nell'appuntamento di sabato col Civitavecchia, sapendo bene che potrebbe essere il vero ago della bilancia in una sfida che mai come stavolta si preannuncia aperta ed equilibrata. Vipers in formazione tipo con la "sola" assenza di capitan Sartori che rientrerà in gruppo comunque fin da domani in vista dell'appuntamento continentale di Rethel. E proprio allacciandosi all'imminente trasferta d'oltralpe il presidente Forte ha voluto fare il punto della situazione alla vigilia di questa prima gara di finale:
<< E' un po' brutto da dire, ma credo che la maggior parte di noi sia già con la testa a Rethel. Non voglio dire che snobberemo questa prima gara di Finale, perchè una Coppa in bacheca, qualsiasi sia la coppa, equivale a rendere "positivo" il bilancio di una stagione, ma è innegabile che la Coppa Campioni abbia tutt'altro fascino. Tornando alla Coppa Italia credo davvero che questa sia la finale più giusta e che Vicenza sia la squadra che più ci può mettere in difficoltà: hanno fiato e gambe "da vendere" e se non si faranno "schiacciare" dalla pressione dovuta ad essere alla loro prima finale allora prepariamoci a due partite fantastiche.
Il fatto di giocarsi la coppa su due gare credo possa darci un leggero vantaggio, visto e considerato che la gara di ritorno sarà nel post-Champions, ma bisogna anche vedere in che condizioni  (atletiche, fisiche e mentali) torneremo dalla final eight di Rethel. Comunque, ripeto, nessuno di noi snobberà questa gara 1, garantito.>>

Fischio d'inizio alle ore 21 agli ordini dei signori Soraperra e Fiabane. Buon divertimento!
Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Mantese, Molteni e De Luca
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Edizione 2007

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.