[Notizia inserita il giorno 31-01-2007] archivio news
clicca per ingrandire la foto
SOLI IN VETTA...
Asiago Vipers (A1) e Asiago Black Vipers (A2) soli al comando. 
Empoli cede 6-3. In Serie A2 stessa sorte per Treviso (4-2). 
Sconfitte, invece, per la formazione di Serie B e per la juniores.
 
In beata solitudine. Gli Asiago Vipers Tegola Canadese centrano il tris di vittorie consecutive (6-3 all’Empoli), rimanendo da soli (complice anche il ko del Milano 24, prossimo avversario) al comando del girone “A” della Serie A1.
Un successo meritato, che, dopo un primo tempo in assoluto controllo (4-1 il parziale), è stato messo in discussione da alcune decisioni dell’arbitro.
<< Tutto filava liscio – afferma il presidente dei Vipers Fabio Forte – poi, però, l’incontro è stato riaperto da alcune gravi indecisioni del direttore di gara. Indecisioni che non ti aspetti da un arbitro della sua caratura. Alla fine comunque è andata bene, però… >>.
Tornando alla sfida, i Vipers (privi solo di Paolo De Luca e Andrea Molteni) trovano il vantaggio al 6’, grazie ad un tiro dalla lunga distanza di Sergio Rigoni che sorprende Solar (1-0).
Asiago controlla con ordine un Empoli come al solito coriaceo, che incassa il secondo goal, quando Branzanti siede in panca puniti. E’ Gianpiero Longhini, al 13’, a freddare il portiere sloveno con un preciso tiro di polso sul secondo palo (2-0). Una manciata di secondi più tardi, Frigo fa 3-0, chiudendo in rete un’insistita azione personale. Subito dopo, Empoli con l’uomo in più e goal di Arwedahl, che sfrutta il traffico, e forse una deviazione sotto porta, per superare Penko (3-1). Neanche 2’ più tardi e la situazione si capovolge. In power-play ci va l’Asiago e Longhini concede il bis a coronamento di una pregevole triangolazione con Mantese (4-1). Match saldamente in mano ai Vipers, che nel secondo tempo, dopo la staffetta tra Penko e Stella a difesa della gabbia asiaghese, si vede annullare (porta spostata) la rete del possibile 5-1 siglata dal capitano Cristiano Sartori. L’Empoli, al 6’, riesce ad accorciare le distanze, ancora grazie al giovanissimo attaccante svedese David Arwedahl (4-2). A questo punto, le contestate decisioni arbitrali che riaprono il match. Asiago deve fronteggiare una doppia inferiorità numerica ed i toscani ne approfittano per avvicinarsi minacciosamente. In mischia, dopo un prolungato batti e ribatti, risolve Scudier (4-3). 
L’Empoli riprende quota, soprattutto a livello emotivo; mentre nell’Asiago serpeggia, inevitabile, un po’ di apprensione. Stella compie un paio di interventi importanti; poi al 35’ il goal che chiude, stavolta in maniera definitiva, la sfida: conclusione di Ceschini, Solar respinge, Tessari è il più lesto di tutti ed insacca (5-3). Non è finita. Da applausi, infatti, l’ultima marcatura griffata Vipers, frutto di uno splendido duetto Sommadossi-Rigoni, con quest’ultimo che realizza praticamente a porta vuota (6-3).
 
ASIAGO VIPERS TEGOLA CANADESE – EMPOLI 6 – 3 (primo tempo 4-1)
 
ASIAGO VIPERS TEGOLA CANADESE: Penko, Stella, Sartori, Varotto, Ceschini, Volpe, Mosele, Mantese, Rigoni, Sommadossi, Rela, Longhini, Frigo, Tessari, Basso. All. Rela. EMPOLI: Solar, Del Marco, Pazzaglia, Scudier, Branzanti, Zerdin, Viti, Francalanci, Gabbani, Arwedahl, Corti, Sani. All. Carboncini.
 
Arbitro: Guadagnin.
 
Reti. Pt: 6'02" Rigoni (A), 13'08" Longhini (A), 13'23" Frigo (A), 14'34" Arwedahl (E), 16'12" Longhini (A). St: 26'35" Arwedahl (E), 29'49" Scudier (E), 34'59" Tessari (A), 39'21" Rigoni (A).
 
Il programma della 3a giornata del girone “A” (27/28.01.2007).
Asiago Vipers Tegola Canadese – Empoli 6-3; Milano 17 Rams – Latina 4-4; Edera Trieste – Milano 24 12-2.
Classifica girone “A”: Asiago Vipers Tegola Canadese punti 9, Edera Trieste e Milano 24 punti 6, Empoli punti 3; Latina e Milano 17 Rams punti 1.
 
Il programma della7a giornata del girone “B” (27/28.01.2007).
Lions Arezzo – Polet Trieste 12-1; Forlì – Diavoli Vicenza 5-5; Ghosts Padova – Cittadella. Riposano i Draghi Torino
Classifica girone “B”: Lions Arezzo punti 18, Polet Trieste punti 12, Diavoli Vicenza punti 10, Draghi Torino punti 9, Forlì punti 7, Ghosts Padova e Cittadella punti 3.
 
 
Serie A2. Terzo centro consecutivo per gli Asiago Black Vipers, in vetta a punteggio pieno nel girone “A”, che riescono a superare (4-2) l’ostacolo Rhinos Treviso al termine di un match combattuto e per la prima volta in stagione “ruvido”. La matricola trevigiana, che si presentava forte del tennistico 6-2 rifilato alla Fiamma Gorizia, conferma di essere compagine temibile, tenendo bene il campo e creando qualche difficoltà alla formazione diretta da Marobin, che sblocca il risultato solo a metà della prima frazione, grazie a Matteo Gios (1-0).
Nel secondo tempo è il power-play altopianese a fare la differenza: il raddoppio porta la firma di Fabio Strazzabosco; poi tocca ad Alberto Lamonaca, in doppia superiorità numerica, realizzare il 3-0. Poco dopo, infine, è il turno di Raffaele Pertile (4-0). A questo punto, però, i Black si rilassano, lasciando così l’iniziativa ai Rhinos Treviso, che nel finale dimezzano lo svantaggio (4-2). Per i Black, comunque, il volo in vetta continua.
Intanto il girone “A” ha perso un’altra protagonista: il Milano 17 Rams, che nei giorni scorsi ha comunicato la propria rinuncia a proseguire il campionato di Serie A2. Previsto un ulteriore turno di riposo in coincidenza degli incontri originariamente in calendario con i lombardi.
 
Serie B. Giornata negativa, invece, per la formazione dei Vipers, impegnata nel campionato di Serie B. Dall’Oglio e compagni, infatti, sono usciti sconfitti (12-6) nel derby con il Bassano Skating “A”. Un ko pesante, che frena bruscamente le ambizioni delle “vipere”.
 
Settore giovanile. Nel campionato juniores, dopo l’incoraggiante pareggio ottenuto contro il Polet Trieste, per le “vipere” è, purtroppo, giunta la pesante sconfitta (3-10) contro il Cittadella. 
 
Foto allegata di Marco Guariglia
 
Asiago Vipers Tegola Canadese
Ufficio Stampa
Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Luca Tessari, autore del goal che ha chiuso la sfida con i toscani.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Gianpiero Longhini, doppietta per lui.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Matteo Gios dei Black Vipers a segno contro Treviso.

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.