[Notizia inserita il giorno 05-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

ROSA SHOCKING!


Le Assicura Asiago Pink Vipers superano (4-0) le campionesse d’Italia del Torino. Doppietta per Silvia Toffano. In rete anche Anna Rigon e Daniela Alzetta; shutout per Martina Caneva.

 

Inizia col botto il girone “A” del campionato femminile, con le Assicura Asiago Pink Vipers al gran completo (presente anche il trio Toffano-De Rocco-Tartaglione, le ultime arrivate) che stendono 4-0 (primo tempo 2-0) le campionesse d’Italia del Torino, scese, però, in formazione rimaneggiata.
Davvero buono il primo tempo delle rosanero (calate, però, alla distanza), che partono forte, mettendo subito in difficoltà le piemontesi. In avvio occasioni per Alzetta, Tartaglione e De Rocco. Al 6’ Asiago in power-play: discreta pressione, ma gol solo sfiorato, al 7’50”, con Alzetta, che divora l’assist di Tartaglione. Al 9’22”, però, capitan Pesavento scende sulla destra, disco in mezzo per Rigon che devia alle spalle di Cerini (1-0). Vantaggio meritato. Insistono le Pink, vicine al raddoppio con Vellar (Floria), servita da Pertile. Al 10’40” De Rocco in gol, ma l’arbitro annulla. All’11’40” Cerini sventa in qualche maniera sul tentativo ravvicinata di Tartaglione. Al 14’ si vede il Torino: Galliana impegna Caneva. Poco dopo rete annullata anche alle campionesse d’Italia. Al 15’ piemontesi in power-play, ma Caneva e compagne resistono. Al 17’35” il meritato raddoppio viene realizzato da Toffano, che sorprende il portiere dalla distanza (2-0). Nel finale superiorità numerica anche per Asiago, che, però, la sciupa malamente.
Al rientro subito una ghiotta chance per Tartaglione; poi le rosanero calano vistosamente, lasciando l’iniziativa alle avversarie, che guadagnano campo rendendosi anche pericolose in qualche occasione. Al 9’ boccata d’ossigeno per le Pink, grazie alla rete di Alzetta (3-0). Nei minuti conclusivi piemontesi in forcing: Caneva si destreggia bene ed è pure fortunata in qualche circostanza. Al 18’ Torino in power-play: il portiere di casa neutralizza su Casassa; poi per due volte i pali respingono i tiri di una sfortunata Galliana. A fil di sirena in break la rete del 4-0 viene realizzata ancora da Toffano, servita da Tartaglione. Alla fine, ovviamente, festa grande in casa Assicura Asiago Pink Vipers per una storica affermazione che vale tre punti davvero “pesanti” nella corsa alla qualificazione alla “Final Four”.
Prossimo appuntamento: sabato 18 aprile (ore 16) Assicura Asiago Pink Vipers – Ghosts Padova

Assicura Asiago Pink Vipers – Draghi Torino 4-0 (pt 2-0)
Assicura Asiago Pink Vipers
: Caneva, Cunico, Vellar M., Pesavento, Pertile, Toffano, De Rocco, Segafredo L., Vellar F., Rigon, Tartaglione, Alzetta, Sartori, Rodeghiero, Rossi, Segafredo M.. All.: Forte-Schivo.
Draghi Torino: Cerini, Battaglia, Casassa, Cusati, Di Giovanni, Friard, Gabellini, Galliana, Gili, Orifici. All.: Bricco.

Arbitro: Pioldi.

Reti. Pt: 9’22” Rigon (A), 17’35” Toffano (A). St: 9’02” Alzetta (A), 19’53” Toffano (A).


Foto allegate di Carlo Dal Sasso

Assicura Asiago Pink Vipers
Ufficio Stampa

 

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Le Assicura Asiago Pink Vipers esultano per la vittoria sul Torino.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Linda De Rocco in azione.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Daniela Alzetta realizza il gol del 3-0.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Shutout per Martina Caneva, portiere delle rosanero.

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.