[Notizia inserita il giorno 18-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

Formazioni a ranghi ridotti e senza le nazionali impegnate nel Mondiale Seconda Divisione di hockey su ghiaccio. In casa Pink, inoltre, all’ultimo momento dà forfait per infortunio anche il portiere Marta Cunico. Partenza decisa delle altopianesi, vicine al gol già dopo 20” con una conclusione a lato di Alzetta.
E proprio l’attaccante rosanero, già a segno all’esordio, va a bersaglio poco più tardi girando al volo l’assist di Tartaglione (buona davvero la prova della giovanissima Pink) in situazione di power-play.
Asiago insiste, ma spreca davvero troppo sotto porta (l’arbitro Stella annulla anche una rete alle ragazze di Forte e Schivo), graziando a più riprese le patavine. Al 7’35” il raddoppio: Tartaglione sfonda centralmente, Gioga respinge, irrompe ancora Alzetta ed è 2-0. Al 10’ capitan Pesavento va in gol, ma l’arbitro non convalida. Al 14’ Alzetta, tutta sola, spreca un’altra golosa opportunità. Passa 1’ e Tartaglione è lesta ad indirizzare in rete il disco del 3-0. Prima dell’intervallo, però, il Padova, dopo aver sprecato una superiorità numerica, accorcia le distanze con Benetazzo (la migliore delle ospiti).
Nel secondo tempo, dopo un power-play gestito davvero male, le rosanero allungano con Segafredo e ancora con Tartaglione (5-1). Derby chiuso? No, perché le Assicura Asiago Pink Vipers, come nella prima partita, calano vistosamente. Padova inizia così a guadagnare metri. All’8’ Sponza (Martina) accorcia le distanze (5-2). Al 9’ Benetazzo impegna Caneva; poi al 10’ centra il palo. Campanello d’allarme.
Subito dopo Tartaglione scende sulla sinistra, disco per Alzetta che non riesce ad impattare. Si cambia fronte e Sponza (Federica) infila Caneva (5-3). Time out. Al 13’ Tartaglione impegna Gioga; poi Alzetta non riesce a trovare il “tap in” vincente. Padova ci crede e al 16’ si porta ad una sola lunghezza di distanza grazie alla marcatura di De Biasi (5-4).
Tartaglione, una manciata di secondi più tardi, potrebbe (ri)chiudere il derby, ma sbaglia a tu per tu con Gioga e così i minuti conclusivi sono di pura sofferenza per le Pink.
Il fortino rosanero, seppur con affanno, regge. Alla fine è festa per il primato solitario a punteggio pieno, da difendere tra una settimana a Monleale.

Assicura Asiago Pink Vipers – Ghosts Padova 5-4 (pt 3-1)

Assicura Asiago Pink Vipers: Caneva, Cunico, Vellar M., Pesavento, Pertile, Segafredo L., Vellar F., Rigon, Tartaglione, Alzetta, Rossi. All.: Forte-Schivo.
Ghosts Padova: Gioga, Benetazzo, De Biasi, Costa, Sponza F., Sponza M., Croce, Crepaz. All.: Szathvary.

Arbitro: Stella S..

Reti. Pt: 1’16” Alzetta (A), 7’35” Alzetta (A), 15’52” Tartaglione (A), 18’57” Benetazzo (P). St: 2’46” Segafredo (A), 3’18” Tartaglione (A), 8’49” Sponza M. (P), 10’53” Sponza F. (P), 16’05” De Biasi (P).


Foto allegate di Carlo Dal Sasso

Assicura Asiago Pink Vipers
Ufficio Stampa

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Anche il derby รจ delle Assicura Asiago Pink Vipers...ma che fatica.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Sponza (Padova) cerca di sorprendere Caneva (Asiago).
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Agnese Tartaglione (doppietta), protagonista di un'ottima prova.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Padova all'attacco alla ricerca del pari.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Derby...sofferenza finale.
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Pink Style...

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.