[Notizia inserita il giorno 23-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

A1 - POSTICIPO

La capolista si squaglia ad Arezzo (5-3) nel posticipo della ventunesima giornata e rimanda ogni verdetto all’ultima giornata di campionato.  Pessima serata per tutti i protagonisti in maglia Rigoni di Asiago con alcuni spiacevolissimi strascichi a partita finita. In rete per i Vipers l’esordiente Egger , Filippo Tessari e Comencini che fanno risalire i Campioni d’Europa dal baratro del 4-0 (con tripletta del giovane Traversa e rete di Nathigal) . Quando un’incredibile rimonta sembra possibile, arriva l’espulsione di Dorigatti (che colpisce involontariamente Hribersek al volto, ferendolo) e la rete di Moro che cancella le ultime chances per gli ospiti.  Sabato, contro il Milano24, urge riscatto (con annessi 3 punti) per non gettare alle ortiche un primo posto che oramai sembrava cosa fatta; il “problema” è che anche Milano è alla ricerca di punti per mantenere il preziosissimo 4° posto.

 


I risultati della 21ma giornata di A1:

Milano24 Quanta - Edera Trieste:  5-2                     (Guadagnin di Bassano);
Hockey Ferrara - Pirati Civitavecchia 0-3                  (Soraperra di Canazei);
Forlì - Draghi Torino : 9-6                                       (Stella F. di Camporovere)
Diavoli Vicenza  - Raiders Montebelluna: 7-5            (Stella S. di Camporovere).
Lions Arezzo - Rigoni di Asiago Vipers  : 5-3            (Grandini di Belluno e Corponi di Trissino).

Ha riposato: Polet Trieste


La classifica. Rigoni di Asiago Vipers ed Edera Trieste punti 49; Diavoli Vicenza punti 41; Milano 24 Quanta punti 33; Lions Arezzo punti 31; Pirati Civitavecchia punti 30; Hockey Forlì * punti 29; Polet Trieste* punti 19; Hockey Ferrara punti 11; Raiders Montebelluna e Draghi Torino punti 7.

*   una partita in più

 

Rigoni di Asiago Vipers
Ufficio Stampa

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Asiago in ginocchio a fine partita

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.