[Notizia inserita il giorno 24-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

ASSICURA ASIAGO PINK VIPERS
Prima trasferta per le rosanero. Domenica si va a Monleale. C’è da difendere l’imbattibilità.

Buona la prima, e pure la seconda. Chi l’avrebbe detto? Probabilmente non molti, ma le ragazze delle Assicura Asiago Pink Vipers non finiscono di stupire e, dopo due giornate di campionato, sono al comando a punteggio pieno nel girone “A”. Brave davvero!
Ora, però, è tempo di affrontare il primo impegno esterno della stagione. Domenica 26 aprile, alle ore 18, è in programma la sfida a Monleale, contro una formazione che si conosce poco e che proprio per questo non va assolutamente sottovalutata.
Le piemontesi hanno fin qui racimolato un punto, grazie al pari colto all’esordio sulla pista del Padova. Una partita in cui il Monleale era stato a lungo in vantaggio, subendo poi il ritorno delle avversarie. Niente da fare, invece, domenica scorsa nel derby con il Torino (7-1).
Le rosanero arrivano cariche dalla vittoria, sofferta, nel derby con il Padova. Una partita dai due volti, con una prima parte in cui Alzetta e compagne hanno dominato, sciupando però un po’ troppo in zona gol (specie nella frazione iniziale), e quindi con un segmento conclusivo col fiato corto (già riscontrato all’esordio) e con qualche rischio di troppo che per poco non ha vanificato quanto di buono prodotto in precedenza. Di positivo in quella fase, comunque, l’orgoglio e la determinazione che hanno permesso di raggiungere la preziosa affermazione.
« Non sono convinta che il calo nei secondi tempi sia dovuto ad un problema fisico – argomenta il capitano Monica Pesavento – in quanto ci siamo sempre allenate e non abbiamo mai avuto grossi problemi a giocare bene per quaranta minuti. Credo più che altro sia un problema mentale e di “tattica”. E’ anche vero che non ci siamo trovate spesso a gestire risultati positivi contro squadre di un buon livello tecnico, in grado di metterci in difficoltà se “abbassiamo la guardia”. Presteremo più attenzione e non ci rilasseremo fino alla sirena! Per quanto concerne la concretezza sotto porta, invece, è sempre stato un nostro “problema”; direi che quest'anno sta già andando meglio. Pecchiamo spesso di egoismo, dovuto anche alla difficoltà del gioco. Con qualche passaggio in più si potrebbe segnare anche più spesso ».
Per la trasferta di Monleale i tecnici Riccardo Forte e Maurizio Schivo potranno contare sui rientri di Silvia Toffano e Linda De Rocco, assenti nel derby con il Padova perché impegnate ai Mondiali di Seconda Divisione di hockey su ghiaccio, e su quelli di Elena Sartori, Erica Rodeghiero e Margherita Segafredo. Ancora in dubbio, invece, la presenza di Marta Cunico.

I risultati della seconda giornata.
Girone “A”: Assicura Asiago Pink Vipers – Ghosts Ladies Padova 5-4; Draghi Torino – Monleale 7-1.
Girone “B”: Empoli – Massa 7-1; Molinese – Modena 0-4.

Classifiche.
Girone “A”: Assicura Asiago Pink Vipers punti 6; Draghi Torino 3; Ghosts Ladies Padova e Monleale 1.
Girone “B”: Empoli punti 6; Modena e Massa 3; Molinese 0.

Il programma della terza giornata (sabato 25 e domenica 26 aprile).
Girone “A”: Monleale – Assicura Asiago Pink Vipers (domenica, ore 18); Ghosts Ladies Padova – Draghi Torino (1 maggio).
Girone “B”: Molinese – Empoli; Modena – Massa.

Foto allegate di Carlo Dal Sasso

Assicura Asiago Pink Vipers
Ufficio Stampa

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Linda De Rocco: una delle giocatrici recuperate per domenica.

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.