[Notizia inserita il giorno 26-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

UNDER 13, LO SPAREGGIO VA AL BUJA

Nel “neutro” di Sacile i friulani s’impongono per 6 a 3 e concludono il girone al primo posto.                     

La partenza sottotono dei nostri ha condizionato l’incontro.

 

Dopo la pesante sconfitta di domenica scorsa, ci si augurava una reazione d’orgoglio da parte delle nostre viperette. Cosa che è avvenuta, tranne che per i primi cinque minuti dell’incontro e ciò purtroppo ci è costato molto caro. In vista della “final eight” in programma a Molina di Quosa ciò potrebbe condizionare in parte il percorso di Longhini e company, in quanto è sfumata la possibilità di partire come testa di serie. “Sono comunque orgoglioso della prestazione dei ragazzi” commenta coach Cantele a fine partita. “Hanno saputo giocarsela fino alla fine ed usciamo comunque a testa alta. Sinceramente sul 4 a 3 per loro ero convinto di portare a casa qualcosa di piu’ ma purtroppo non è andata come speravo…“

Da segnalare che i 9 gol dell’incontro sono stati segnati da 2 soli giocatori: Samuel De Cecco per il Buja e dal mini-falco dei Pennar Davide Longhini per i Vipers.

Nelle prossime settimane gli allenamenti si svolgeranno presso lo stadio Odegar, casa Vipers per i play-off scudetto del campionato seria A1. In programma inoltre un’amichevole con l’under 15 prima di un incontro dei play-off.

 

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO:

 

TAURUS BUJA-ASIAGO VIPERS 6-3 (PRIMO TEMPO 3-1)

 

TAURUS Buja: Persello M., De Cecco S., Persello G., Mattiussi M., Viani A., Scalora E., Bertossio F., Pezzetta E., Viani A., Forgiarini T., Forgiarini P., Fumagalli M.,

Asiago Vipers: Olando F., Alberti E., Ambrosini B., Berthod T., Cantele G., Cantele R., Cottignola M., Francescato M., Longhini D., Longhini R., Marobin T., Rigoni N. (All. Roberto Cantele e Claudio Mantese)

 

MARCATORI:

BUJA: De Cecco S. 4:01, 4:37, 5:35, 16:55, 27:02, 29:24

ASIAGO VIPERS: Longhini D. 7:31, 18:21, 26:23

 

Nelle foto allegate alcuni dei momenti dell’incontro.

 

 

ASIAGO VIPERS

SETTORE GIOVANILE

 

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Vipers-Buja
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Vipers in azione
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Lo spogliatoio
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Riscaldamento

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.