[Notizia inserita il giorno 27-04-2009] archivio news
clicca per ingrandire la foto

GIOVANISSIMI: A PADOVA IL SECONDO CONCENTRAMENTO STAGIONALE

Tanto divertimento per le formazioni più piccole della Vipers Tribù.

 

 

 



 

Si è disputato ieri presso il Palabrentelle, casa degli amici del Ghosts Padova, il secondo concentramento ufficiale per le categorie non agonistiche, cioè Giovanissimi, Mini Hockey e Primi passi, riservati ai bimbi nati dall’anno 1999 al 2003.

Le mini-vipere, alla guida di coach Manuele Dalle Ave (assente per motivi di lavoro l’altro allenatore Federico Parini) e con il coordinamento di Vittorio Corà (Vidor), si sono ben comportate, ma soprattutto si sono divertite assieme alle squadre dei Ghosts (organizzazione impeccabile!) ed alla squadra del Montorio (seppur a ranghi ridotti).

Per la cronaca, c’è stata una partita iniziale con le squadre mescolate in modo da far giocare tutti i bimbi assieme e nella seconda partita i padroni di casa hanno sfidato le nostre Viperette e il punteggio finale di 1 a 1 ha accontentato veramente tutti.

Ora, come tutte le altre squadre, anche i piccoli si trasferiranno all’Odegar fino alla fine dei play-off per gli allenamenti in vista del prossimo ed ultimo concentramento stagionale del 26 maggio.

 

Nelle foto allegate alcuni momenti della giornata di ieri.

 

Asiago Vipers

Settore Giovanile

 

Foto allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Vipers e Ghosts
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Vipers e Ghosts
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Piccole Vipere
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Coach Manu
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Prima della partita

 
      


 


 

The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.